fine del mondo 2012
NEWS FINE MONDO
Dall'Italia e dal Mondo
SEGNALACI UN FATTO
Accadimenti, video, teorie...
FINE MONDO SU FACEBOOK
Tutte le news sulla tua bacheca
SCRIVICI
Commenti, critiche, collabora
IT EN DE


VEDI ANCHE:
» Corso Pizzaiolo

2012: LE TESI DELLA FINE DEL MONDO, TEMPESTE SOALRI E SPOSTAMENTO ASSE

Apocalisse Solare: inversione del poli e spostamento asse terrestre

Tesi fine del Mondo 2012: Inversione dei poli e spostamento asse terrestre

L'inversione dei poli e lo spostamento dell'asse terrestre sono due degli argomenti più noti e discussi, relativamente alle ipotesi riguardanti la fine del mondo del 2012.
I geologi che studiano il passato della Terra hanno evidenziato che episodi, come inversione poli e spostamento asse terrestre, si sono verificati nel corso della storia e sarebbero destinati a ripetersi.
E' inoltre emerso che i mutamenti del clima, così come l'estinzione improvvisa di intere specie viventi, hanno quasi sempre coinciso con alterazioni e cambiamenti nel campo magnetico del nostro pianeta.
Il Sole inverte il suo magnetismo ogni 11 anni, quindi una nuova inversione non sarebbe nè sconosciuta nè completamente inaspettata. Ad avvalorare quanto detto ci sarebbero i risultati delle ricerche di alcuni scienziati. Secondo questi studi infatti, migliaia di anni fa, la posizione dei poli era decisamente diversa da quella attuale.
Alcuni parlano di una inversione totale tra polo sud e polo nord. Le prove delle inversioni totali della polarità magnetica terrestre sono frutto degli studi condotti sulle rocce fuse, raffreddatesi in periodi geologici diversi.
L'inversione dei poli è una delle tesi sulla fine del mondo 2012 dibattuta dai catastrofisti. Ma cosa potrebbe comportare, al giorno d'oggi, il verificarsi di un fenomeno simile?
Secondo gli studiosi un rovesciamento della polarità determinerebbe intensi terremoti lungo le faglie della crosta terrestre, forti uragani e violente ondate di marea, generate dai movimenti dei fondali oceanici.
Esistono degli studi e delle ipotesi che andrebbero ad avvalorare queste ipotesi. In Inghilterra ci sono grandi depositi di carbone, la presenza di questi depositi indica che un tempo in quelle regioni regnava un clima tropicale, con grandi foreste e paludi. Sempre sondo gli stessi studi l'Australia occidentale e l'Africa meridionale erano sepolte sotto una coltre di ghiaccio. Una spiegazione a queste anomalìe ci viene fornita dalla teoria della Deriva dei Continenti. La deriva dei continenti è una teoria geologica secondo la quale i continenti si muoverebbero l'uno rispetto all'altro.
la teoria fu introdotta, nella sua versione moderna, nel
1912 da Alfred Lothar Wegener.Un geofisico, Peter Warlow, invece, ha analizzato le narrazioni mitiche. Secondo lui, gli antichi Egizi hanno registrato quattro diversi ribaltamenti, in seguito ai quali il sole è apparso mutare la direzione del suo corso nei cieli.
I più recenti si sarebbero verificati nel 700 a.C., e prima ancora nel 1500 a.C. Quest'ultimo evento corrisponderebbe alla data dell'estinzione della civiltà minoica a Creta, secondo Immanuel Velikovsky.
Inoltre, da alcuni decenni il sole ha aumentato la sua attività e la fine di questo ciclo, secondo i dati raccolti, presenterà macchie di dimensioni notevoli e avrà il suo massimo picco proprio nell'anno 2012.
Secondo alcuni scienziati l'attività delle macchie solari ha un'incidenza importante con il clima del nostro pianeta.
Per capire quanto un inversione dei poli possa essere catastrofica per il nostro pianeta sono stati effettuati vari test, i quali sembrano dimostrare che, in caso di inversione di magnetismo, il campo magnetico della terra non si riduca mai, ma si misceli per poi capovolgersi in maniera graduale. Per quanto riguarda il 2012 e lo spostamento dell'asse terrestre, i ricercatori Maurice Cotterell e Adrian Gilbert sostengono che i cataclismi che caratterizzarono la fine delle Ere Maya furono causati da una inversione del campo magnetico terrestre, dovuto ad uno spostamento dell'asse del pianeta. Maurice Cotterell, in base ai suoi studi sulle
attività delle macchie solari e sul calendario Maya, ha concluso che la profezia relativa alla fine della quinta Era deriva da un calcolo della prossima inversione del campo magnetico terrestre, prevista per il 2012 . La Terra subirebbe periodicamente una variazione dell'inclinazione assiale rispetto al piano dell'ellittica del sistema solare. Ciò provocherebbe scenari apocalittici, descritti dallo storico, nonchè catastrofista, Immanuel Velikvosky nel suo libro "Earth in Upheaval". Nel libro di Velikvosky si legge: "Un terremoto farebbe tremare il globo intero. Aria e acqua si muoverebbero di continuo per inerzia, la Terra sarebbe spazzata via da uragani e i mari investirebbero i continenti... "
Resta comunque da capire quanto la leggenda maya abbia potuto influenzare le osservazioni scientifiche degli studiosi dello spostamento dell'asse terrestre.


Disclaimer - Chi Siamo - Contatti - Fai Pubblicità



"2012 Fine del Mondo?"
Copyright © Vulcano s.r.l.
Via Birmania, 84 - 58100 Grosseto, Toscana
All rights reserved