fine del mondo 2012
NEWS FINE MONDO
Dall'Italia e dal Mondo
SEGNALACI UN FATTO
Accadimenti, video, teorie...
FINE MONDO SU FACEBOOK
Tutte le news sulla tua bacheca
SCRIVICI
Commenti, critiche, collabora
IT EN DE


VEDI ANCHE:
» Corso Pizzaiolo

2012: LE CRITICHE ALLE TESI SULL'APOCALISSE 2012

Maya 2012: Le critiche

Maya 2012, Le critiche degli scienziati sulla fine del nostro mondo nel 2012 prevista dai Maya

I maya erano affascinati dall'idea del tempo circolare, un'idea ricalcata dal ciclo vitale delle piante e dall'alternarsi delle stagioni, secche e umide. Il calendario maya è studiato da numerosi ricercatori, sono molti infatti ad essere interessati all'interpretazione della cultura di questa civiltà dalle profonde e acute conoscenze.
In un frammento di una stele maya ritrovato nel sito messicano di Tortuguero nello stato di Tabasco è stata decifrata una scritta che riporta il numero 2012. E'l'unica stele in cui viene riportata questa data che in realtà indica che proprio nel 2012 finirà uno dei tanti calendari maya, uno dei tanti cicli. Il ciclo che si concluderebbe è il bak'tun numero 13. Sulla stele però non si parla in maniera esplicita di apocalisse.
Un gruppo di Studiosi del Peabody Museum di Harvard, uno dei centri più importanti al mondo per lo studio e la ricerca dell'archeologia maya, sostengono infatti che, come testimoniano reperti etnografici e gli antichi monumenti analizzati, i calendari maya,
essendo dei cicli, non finiscono.
Sono tutti diversi e collegati insieme, come noi abbiamo settimane da sette giorni e mesi da 28 a 31 giorni. Quando per noi un mese finisce, inizia il successivo, ma nel frattempo potremmo trovarci a metà della settimana, così succederebbe con i calendari maya. Alcuni finivano e ricominciavano mentre altri erano ancora a metà del ciclo, proprio mentre gli altri terminavano. Quindi la fine del calendario non significava la fine del mondo, ma semplicemente la fine di un ciclo che, nella concezione circolare del tempo secondo i maya, stava ad indicare soltanto l'inizio di un nuovo ciclo.
Secondo David Morrison, astrobiologo della Nasa, i calendari esistono per tenere traccia del passare del tempo, non per prevedere il futuro. I calendari antichi sono interessanti per gli storici, ma non possono competere con la capacità che abbiamo oggi di tenere traccia del tempo. Il concetto principale è che i calendari, contemporanei o antichi, non possono predire il futuro del nostro pianeta o avvisarci su cosa succederà in una data specifica, come ad esempio il 2012.
Link Utili:


Disclaimer - Chi Siamo - Contatti - Fai Pubblicità



"2012 Fine del Mondo?"
Copyright © Vulcano s.r.l.
Via Birmania, 84 - 58100 Grosseto, Toscana
All rights reserved